I 5 migliori album di Bruce Springsteen


bruce-springsteen-kitchen1
5. The Wild, the Innocent & the E Street Shuffle (1973).

E’ solo il secondo album, eppure contiene già almeno quattro classici. Il botto vero e proprio arriverà dopo, ma qui il suono è ancora puro, la produzione discreta e Sandy brilla di luce propria.


4. Born in the USA (1984).

Il più radiofonico e commerciale – in senso buono – degli album di Bruce Springsteen. Sostanzialmente perfetto, venderà milionate di copie e lo farà diventare una star. Certo, tutte quelle tastiere, tutta quella ballabilità…


3. The Rising (2002).

Dopo 15 anni un nuovo album con la E Street Band. Potente, ispirato, bellissimo. Dopo la flessione creativa a cavallo fra anni Ottanta e Novanta sarà facile illudersi che il Boss sia tornato quello di un tempo. Invece niente da fare, The Rising sarà uno splendido fuoco di paglia.


2. Born to run (1975).

Arriva Jon Landau ad affiancare Mike Appel alla produzione e nasce il Bruce Springsteen che conosciamo ancora adesso. Tutto è grandioso, epico. I testi e soprattutto i suoni. La title-track ripropone un wall of sound che non sarebbe dispiaciuto a Phil Spector e la E Street Band non è mai stata così in forma. 8 pezzi, 8 classici: su tutti, Backstreets.


1. Darkness on the edge of town (1978).

Il capolavoro assoluto. In cabina di regia è ormai rimasto solo Landau, coadiuvato dallo stesso Springsteen e da Van Zandt. Il Boss rinuncia a proporre un secondo Born to run e fa bene. Ne viene fuori un disco meno urlato, più equilibrato, più maturo. Un disco di grandi canzoni, anche. Irripitebile e, infatti, mai più ripetuto.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...