Voci di donne: dieci cantanti di cui mi sono innamorato perdutamente

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non c’è nulla di più facile che innamorarsi di una cantante. Da quando avevo quattordici, quindici anni fino ad oggi mi sarà successo decine di volte. Un video passato su Videomusic, un concerto da qualche parte, in saletta, la cantante del mio stesso gruppo. Decine di volte. Una cantante – che indossi o meno una chitarra, un pianoforte, uno strumento qualsiasi, è del tutto indifferente – vince. Questo elenco non è ovviamente esaustivo, si tratta delle dieci più importanti, delle dieci che amerò per sempre. Ovviamente Natalie Imbruglia non è presente perché non ho mai sopportato nulla di quello che ha fatto, anche se potrei citare a memoria, fotogramma per fotogramma, alzata di sopracciglia per alzata di sopracciglia, tutto il video di Torn. Ma insomma no, non sarebbe corretto. Perché il punto è che di queste dieci ho amato soprattutto e prima di tutto le voci, le canzoni, la musica. E poi va beh, tutto, anche le sopracciglia, chiaro.

Chrissie Hynde, per dire, per me è la voce femminile del rock. C’è stata Patti Smith, certo, ma Chrissie Hynde è sempre stata un’altra cosa. Meno pretenziosa, altro che sacerdotessa, solo ruvido e nudo rock, onesto e sincero. E poi la frangia, certo, e I’ll stand by you.
E poi Sheryl Crow. Ecco, lei per un po’ sembrava una incapace di sbagliare un colpo, poi si è persa. Ma all’inizio era talmente brava e bella e americana che anche discutibilmente acconciata – camicia a quadri, giacche jeans, boccoli – non si poteva davvero non restarne affascinati. All I wanna do è esattamente la fotografia di quel periodo.
Tutt’altra classe – e una bellezza meno ovvia, una bellezza che era soprattutto il fascino di quella voce lì – Natalie Merchant. Voce dei 10,000 Maniacs prima e poi, dal 1995 con Tigerlily, solista. Ma che album era ed è ancora Tigerlily? E che cos’è ancora quel groppo in gola a risentirla in I may know the word?
Fiona Apple. Per lei ci vorrebbe ovviamente una lista a parte. Una lista con soltanto lei, le sue canzoni, la sua vita devastata e la sua voce.
E ancora PJ Harvey, forse la più grande per quel suo essere sempre al top, che uno si chiede come faccia, coi decenni che passano e gli altri che si fermano, spariscono e altri ancora ne arrivano e spariscono e lei sempre lì. Cambiando sempre, spiazzando, sfuggendo a un’etichetta. Cos’è PJ Harvey? E’ rock? E’ punk?  Sì, ed anche un sacco di altre cose che insieme danno PJ Harvey come risultato.
Ma ci sono stati anche amori più fugaci, di un’estate e basta, che però uno ci ripensa e il cuore batte ancora. La cantante dei Texas, Sharleen Spiteri – e solo ora mi accorgo che lei, scozzese, e PJ Harvey sono fin qui le uniche non americane di questa lista. Say what you want è ancora un pezzo che mi incanta, pop di classe come lei, che poteva vestirsi di blu in quel video, interamente di blu.
Joan Wasser era la fidanzata di Jeff Buckley e anche solo questo contribuirebbe a renderla in qualche modo affascinante. Ma non è tutto qui ovviamente. Suona il violino, anche. E come Joan as Police Woman ha fatto cose fantastiche, tipo questa Eternal flame.
E veniamo a oggi, o quasi. Victoria Legrand dei Beach House ha una voce che sembra arrivare da un sogno, come tutta la musica dei Beach House, in effetti, ma il punto è che è lei, è la sua voce.
Annie Clark, vero nome di St Vincent, è bellissima. Davvero, clamorosamente bella. E al tempo stesso mette in fila un album meraviglioso dopo l’altro, collabora con David Byrne e tutto questo venendo dai Polyphonic Spree, cosa che da sola vale tipo mille punti.
Infine colei che amo al momento. Sharon Van Etten.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...