Muro di Berlino e brividi: Peter Gabriel che canta Heroes e altre splendide esibizioni

Peter Gabriel che canta Heroes di David Bowie alle celebrazioni per i 25 anni dalla caduta del Muro di Berlino, beh, brividi. Capiamoci, brividi per il contesto, per l’occasione, ché Heroes orchestrale fatta da Gabriel è invece un po’ due palle, più che brividi. E brividi veri sarebbero stati – proviamo a immaginare – Heroes fatta da Bowie a Berlino, così com’era Heroes, la sigla di Sfide su Rai3, per intenderci.
E brividi veri furono nel 1990, quando col Muro ormai caduto, Roger Waters portò a Postdamer Platz la sua opera definitiva coi Pink Floyd, The Wall, eseguita con un sacco di personaggi niente male, fra cui Sinead o’ Connor, che accompagnata da Waters e dalla Band interpretò  Mother.

Ma i brividi veri, diciamocela tutta, sono altri. Sono questi.
Il 9 novembre del 1989, sotto al Muro che cadeva, con la gente che ci stava sopra a cavalcioni e brindava e gioiva e si abbracciava, c’era David Hasselhoff, quello di Supercar e Baywatch, che cantava Looking for freedom con una giacca con le lucine tipo albero di Natale.
A rivederlo oggi, è quasi impossibile non pensare a Carlo Conti su RaiUno per Capodanno. E’ surreale, sembra finto ma tutto questo è successo davvero.

(c’erano pure i Faith no More a Berlino quella sera, da un’altra parte. La cover di War Pigs dei Black Sabbath pubblicata sul singolo di Epic venne registrata quella sera. Eppure, David Hasselhoff.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...