[1997] Pop – U2

U2-Pop-cover

Quando uscì, nel 1997, non è che l’abbia capito molto. Cos’è che di preciso avevano in mente gli U2 allora? Venne spacciato come l’album che portava il pop rock nel nuovo millennio, una cosa così, ma gli U2 sembravano semplicemente un gruppo alle prese con l’enorme ego di Bono e i suoi occhiali inaccettabili. Fu una delusione. Achtung Baby, il loro capolavoro, era uscito solo sei anni prima. Poi c’era stato Zooropa, che di Achtung Baby era il fratello minore, altrettanto ambizioso, ma meno riuscito. Forse ci si aspettava un ritorno alle origini, un approccio di nuovo più sobrio, l’umiltà di capire che oltre non si poteva andare e allora meglio tornare indietro. Invece niente, non era tempo, il ritorno al rock chitarristico venne rinviato all’album successivo e nelle nostre orecchie risuonò la drum machine di Discotheque. Dentro c’era anche Staring at the sun, una ballata messa lì quasi per rassicurare i fans che sì, gli U2 erano impazziti, ma ancora capaci di scrivere canzoni appiccicose e un po’ ruffiane. Ma l’album non aveva nulla a che fare con Staring at the sun, non c’era nulla di ruffiano in Mofo, Please, Gone. Gli U2 si erano affidati a Howie B e infatti l’album aveva molto più a che fare con la dance music che con qualsiasi cosa avessero fatto prima. Pop spiazzò i fans e non conquistò nessuno, nemmeno gli stessi U2 che smisero in fretta di riproporne le canzoni, se non in versioni riviste e corrette.
Eppure il tempo ha reso giustizia al coraggio di Pop, a quei suoni. Se ovviamente non si tratta di un album al livello di Achtung Baby, è altrettanto vero che è molto più facile riascoltare d’un fiato Pop che non i primi album, troppo legati alla loro epoca, o gli ultimi, semplicemente inutili.
E gioielli come Last night on earth e Wake up dead man, sono semplicemente irrinunciabili.

Tracklist.

1.     “Discothèque”       
2.     “Do You Feel Loved”       
3.     “Mofo”   
4.     “If God Will Send His Angels”   
5.     “Staring at the Sun”
6.     “Last Night on Earth”   
7.     “Gone”   
8.     “Miami”   
9.     “The Playboy Mansion”  
10.     “If You Wear That Velvet Dress”  
11.     “Please”       
12.     “Wake Up Dead Man”

Must hear songs: Last night on Earth, Wake up dead man

Produzione
Flood, Howie B, Steve Osborne

Musicisti

Bono: voce, chitarra

The Edge: chitarra, tastiere, cori

Adam Clayton: basso

Larry Mullen Jr: batteria

Flood: tastiere

Howie B: tastiere

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...