Undici canzoni dei Cake

cake1

Sei album in studio tra il 1994 e il 2011, i Cake hanno raccolto sicuramente meno di quanto meritavano. Il loro mix di generi, molto personale e inconfondibile – rock, country, mariachi grazie alla mitica tromba di Vincent Di Fiore – non era evidentemente abbastanza ruffiano per conquistare il grande pubblico, né così sofisticato da farsi apprezzare dalla critica più esigente. Stando lì in mezzo hanno comunque portato a casa alcuni singoli di successo, agli esordi nella seconda metà degli anni novanta, ma hanno sempre mancato il colpo per sfondare definitivamente. Il che ha dell’incomprensibile, vista l’appiccicosità di gran parte della loro produzione. La storia della musica è piena di sliding doors e probabilmente le loro sono rimaste chiuse o si sono aperte nel momento sbagliato. Quando agli inizi degli anni duemila hanno conquistato il passaggio a una major non sono riusciti a monetizzare appieno il credito conquistato coi primi tre dischi indipendenti. Forse perché nonostante gli album fossero ancora ispirati, mancava il singolo che conquista tutto e tutti. Forse, semplicemente, il momento era passato.
Con alcuni cambi di formazione i Cake esistono ancora, il loro album del 2011 – per il quale decisero di abbandonare la Columbia e tornare a un’etichetta indipendente fondando essi stessi la Upbeat – è ancora buono seppure non all’altezza dei precedenti. E’ stato anche un buon successo, a dirla tutta, il disco che è andato meglio dagli anni novanta. Anche senza singolo appiccicoso. Forse i nostalgici di quegli anni sono ancora parecchi, ma resta la domanda: perché non li amiamo tutti incondizionatamente?

Rock n’ Roll Lifestyle (Motorcade of Generosity, 1994)

The Distance (Fashion Nugget, 1996)

Friend is a four letter word (Fashion Nugget, 1996)

I will survive (Fashion Nugget, 1996)

Never there (Prolonging the Magic, 1998)

Cool blue reason (Prolonging the Magic, 1998)

Short Skirt/Long Jacket (Comfort Eagle, 2001)

Commissioning a Symphony in C (Comfort Eagle, 2001)

The Guitar Man (Pressure Chief, 2004)

Palm of your hand (Pressure Chief, 2004)

Mustache Man (Wasted) (Showroom of Compassion, 2011)

 

 

 

Annunci

Un pensiero su “Undici canzoni dei Cake

  1. Pingback: Il suono degli Anni Novanta (parte II) | This is Radio Montag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...