[1974] Crime of the Century – Supertramp

Supertramp_-_Crime_of_the_Century
Dopo un esordio da gruppo progressive con due album molto buoni ma abbastanza ignorati – l’omonimo del 1970 e Indelibly Stamped dell’anno successivo – nel 1973 i Supertramp di Rick Davies e Roger Hodgson cambiano formazione e stile e inaugurano un decennio formidabile con cinque album incredibili e una serie di singoli pazzeschi, buoni per le classifiche e la storia.
Con l’ingresso in formazione di Bob Siebenberg alla batteria e John Helliwell al sassofono e la leadership saldamente in mano a Davies e Hodgson il gruppo inglese trova finalmente la sua quadratura attorno a un easy-listening di gran classe in cui ha un ruolo fondamentale il piano elettrico di Hodgson. Nasce così la seconda, più prolifica e più riuscita fase della storia del gruppo, che si apre con Crime of the Century, capolavoro del 1974. In questo disco spiccano, oltre alla title-track, almeno altri quattro clamorosi pezzi.
L’apertura è affidata a School che, introdotta dall’armonica di Rick Davies, anticipa tematicamente i Pink Floyd di Another Brick in the Wall. Il disco decolla subito con Bloody Well Right, primo successo americano, sorta di risposta al brano precedente. Cantata dalla voce roca di Davies e incentrata sul piano elettrico Wurlitzer di Hodgson. Coi suoi sette minuti, Hide in your shell è la minisuite che chiude in crescendo il trittico iniziale dell’album. Ancora il piano di Hodgson è protagonista in Dreamer, altro singolo di successo. La canzone che dà il titolo all’album, Crime of The Century, chiude in bellezza il disco pagando il tributo all’ispirazione pinkfloydiana che aleggia per tutto l’album. Perché è abbastanza chiaro che un disco del genere è stato possibile pensarlo solamente grazie al fatto che l’anno prima i Pink Floyd avevano indicato una direzione nuova con Dark Side of the Moon. E gran parte del merito per aver instradato con successo i Supertramp verso questo nuovo corso è sicuramente del produttore Ken Scott, che aveva iniziato come ingegnere del suono con i Beatles, poi proprio con i Pink Floyd e, fra gli altri, Elton John, per poi produrre i primi capolavori di David Bowie.
Da qui in poi i Supertramp presero il volo, segnando la seconda metà degli anni settanta con il loro impeccabile suono e il loro pop appiccicoso ed elegante.


Tracklist

1. School
2. Bloody Well Right
3. Hide in your shell
4. Asylum
5. Dreamer
6. Rudy
7. If everyone was listening
8. Crime of the Century

Must hear songs: Bloody Well Right, Hide in your shell, Dreamer, Crime of the Century

Produzione
Supertramp, Ken Scott

Musicisti

Rick Davies: voce, tastiere, armonica

Roger Hodgson: voce, chitarra, piano elettrico

Bob Siebenberg (C. Benberg): batteria

Dougie Thomson: basso

John Helliwell: sassofono

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...