Dieci canzoni del 1977

1977, l’anno del punk, della new wave e della disco music.
Dieci canzoni che non hanno nulla a che fare con tutto questo. (Ok, una sì).




The Core – Eric Clapton

Nell’anno in cui il punk chiedeva la testa dei dinosauri del rock, Eric Clapton sfoggia il suo vestito più bello. Cocaine e Wonderful Tonight, certo, ma su Slowhand c’è The Core che non a caso in un primo momento si intitolava The Riff. Protagonismi buoni di Marcy Levy (voce) e Mel Collins (sax).

She’s always a woman – Billy Joel

Gioiello dall’andamento un po’ ruffiano forse, ma irresistibile.

Go your own way – Fleetwood Mac

Lavare i panni sporchi in famiglia: lo stai facendo male. Volano gli stracci fra Lindsey Buckingham e Stevie Nicks. Il primo scrive una canzone su di lei che packing up, shacking up is all you wanna do, lei si ritrova pure a fare i cori al pezzo che la accusa. E va beh.

Spread your wings – The Queen

Brano sorprendentemente sobrio dei Queen scritto da John Deacon. Una cosa bella, di quelle che erano capaci di fare senza troppe paillettes, coretti, grandeur di vario genere.

Baby, what a big surprise – Chicago

Cori che ricordano i Beach Boys (c’è anche Carl Wilson), arrangiamento beatlesiano (con solo di tromba che rimanda a Penny Lane). Le cose belle che facevano i Chicago.

Mr. Blue Sky – Electric Light Orchestra

Per carità, spesso erano eccessivi. Ma questa è una delle cose più belle fatte dal gruppo di Jeff Lynne.

From now on – Supertramp

Singolo notevole contenuto nell’episodio di mezzo della trilogia di dischi perfetti (Crisis? What Crisis?Even in the quietest momentsBreakfast in America) pubblicati dai Supertramp negli anni ’70.

Mull of Kintyre – Wings

Cornamuse per Natale nell’anno del punk. Solo McCartney poteva fare una cosa simile con successo.

I, Robot – Alan Parsons Project

Strumentale. Alan Parsons aveva lavorato come tecnico del suono con i migliori (Beatles, Pink Floyd) e da “solista” faceva cose così, semplicemente belle.

2-4-6-8 Motorway – Tom Robinson Band

Banalmente, una delle più belle canzoni da mettere su per guidare. Tom Robinson era ai tempi anche e soprattutto attivista per i diritti LGBT, qui indovinò il riff perfetto.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...