[1997] Ok Computer – Radiohead

Vent’anni. Mi ricordo quando è uscito, mi ricordo – più che altro – quando l’ho ascoltato per la prima volta. Mi ricordo quando l’ha ascoltato la prima volta l’amica con cui condividevo e scambiavo musica, ascolti, cassettine. Mi ricordo l’espressione che aveva, quando ne parlava. Ok Computer cambiò tutto. Lo abbiamo capito dopo, credo. Ma…

[1967] Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band – The Beatles

1 giugno 1967. Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band è nei negozi di dischi. Contemporaneamente in Europa e negli Stati Uniti. E’ la prima volta. Per la prima volta ci sono i testi in copertina, per la prima volta un disco viene presentato alla stampa con party promozionali e ascolti in anteprima. Per la prima…

Gli album degli Oasis dal migliore al peggiore

Uno degli esordi più belli di sempre. Qualcuno li definì “Sex Beatles” per l’attitudine punk e le melodie che rimandavano a Lennon e McCartney. Supersonic, Live Forever, Rock ‘n’ Roll Star, Shakermaker. Qualche mese dopo pubblicarono anche Whatever, ma questo disco era già perfetto così. Praticamente un ex-aequo col primo. Noel è una macchina da singoli,…

Dieci dischi del 2016

Come al solito, qui non si fanno classifiche. Qui si elencano dischi di cui ci si innamora e se ne elencano dieci per farla breve. Il disco degli Okkervil River e quello dei Jayhawks mancano per questioni di spazio, quello dei Wilco perché non me ne sono innamorato. Fuori dai dieci, prima dei dieci, metto…

[1966] Revolver – The Beatles

Questa di Revolver è una storia che comincia dalla fine. Perché la prima traccia che i Beatles registrano per il loro settimo album – settimo in quattro anni – è quella che finirà col chiudere il disco. E’ aprile, i Beatles si sono presi qualche mese di vacanza dopo l’ennesimo tour – ed è già…

[2016] A Moon Shaped Pool – Radiohead

Non sono stati solo hype, anzi. L’hanno fatto ancora, i Radiohead hanno fatto la cosa che sanno fare meglio: essere i più grandi. A Moon Shaped Pool è un disco meraviglioso, così bello da mettersi a piangere. Un disco notturno, una carezza, un abbraccio struggente. E’ un grande disco dei Radiohead, un grande disco di canzoni,…

[1991] Innuendo – Queen

Al netto dell’emozione nel sentire la voce di Freddie Mercury già provato dalla malattia e del discutibile inserimento di alcuni brani mediocri (Delilah, All God’s people) o inutilmente pretenziosi (Bijou), fatta la tara anche di alcune sonorità figlie del loro tempo che certo non hanno valorizzato composizioni che sarebbero state più che discrete (I can’t…

[2016] You and I – Jeff Buckley

  Quello che fanno a Jeff Buckley – frugare nei suoi cassetti, darci in pasto cose che lui non aveva mai pensato di pubblicare, cose private – è inaccettabile, è immorale. Dovremmo boicottare tutto. Dovremmo ignorare tutto quello che è uscito dopo la sua morte. C’è solo Grace, punto e basta. Ecco, punto e basta.…

[1993] The Spaghetti Incident? – Guns n’ Roses

Il 17 luglio 1993 i Guns n’ Roses chiudono in Argentina lo Use Your Illusion Tour. A novembre dello stesso anno pubblicano The Spaghetti Incident?, il loro quinto album. Sono passati solo due anni dal precedente, il monumentale Use Your Illusion – trenta canzoni divise in due album – ma il mondo è cambiato. Sono passati…

Cinque dischi di Fabrizio De André

1970 – La Buona Novella Il ’68, le lotte studentesche, la strategia della tensione inaugurata l’anno prima con la strage di Piazza Fontana. E per il suo quarto disco De André racconta la vita di Cristo con una rilettura dei Vangeli apocrifi. “Un’allegoria”, secondo l’autore, le istanze migliori del ’68 raccontate attraverso quelle portate avanti…

Dieci grandi dischi del 2015

Il 2015 è stato, soprattutto, l’anno in cui i Wilco hanno sbagliato un disco. Non succedeva da…non era mai successo. Ok, il disco è stato distribuito gratuitamente, ma non è una buona scusa (vedi Radiohead → In Rainbows, 2007). Star Wars – il cui titolo, nell’anno dell’uscita del settimo film della serie, va beh, sarà…

[1970] Hark! The Village wait – Steeleye Span

Gli Steeleye Span sono la seconda creatura del folk rock britannico nata per volontà di Ashley Hutchings dopo i Fairport Covention. Hutchings era il bassista fondatore dei Fairport. Dopo l’incidente in cui rimase ucciso il batterista Martin Lamble e il successo ottenuto con l’album Liege & Lief, Hutchings lascia il gruppo e forma gli Steeleye…

[1974] Crime of the Century – Supertramp

Dopo un esordio da gruppo progressive con due album molto buoni ma abbastanza ignorati – l’omonimo del 1970 e Indelibly Stamped dell’anno successivo – nel 1973 i Supertramp di Rick Davies e Roger Hodgson cambiano formazione e stile e inaugurano un decennio formidabile con cinque album incredibili e una serie di singoli pazzeschi, buoni per…

[1979] In through the outdoor – Led Zeppelin

C’è chi dice che In through the outdoor sia un disco “minore”, poco riuscito. Magari è vero, magari chi lo dice ha ragione, e in fondo non sarebbe nemmeno così scandaloso. Otto album in dieci anni, inciampare al traguardo ci può stare. E comunque no, nessun disco minore o poco riuscito, In through the outdoor…

[1997] Alterazioni – Estra

Il 1997 è stato un anno straordinario per il rock italiano. Hai paura del buio degli Afterhours, Metallo non Metallo dei Bluvertigo, l’esordio dei Subsonica e i C.S.I. che vanno al primo posto in classifica con Tabula Rasa Elettrificata. Un anno pazzesco, un anno irripetibile. Nel 1997, c’è una band trevigiana che pubblica il suo…