Dieci canzoni del 1987

  Gli anni 80 sono un decennio di luci e ombre. Bistrattati, rivalutati. In mezzo a tanta plastica e a tanto kitsch uscivano cose strepitose. Vale anche per il 1987, così lontano dagli anni 70 e così distante, ancora, dal decennio successivo. Dieci canzoni da amare moltissimo. On the turning away – Pink Floyd Roger…

[1989] Sowing the seeds of love – Tears for Fears

Finisce il decennio e finisce il binomio Roland Orzabal e Curt Smith. I Tears for Fears continueranno a esistere ma saranno solo la firma con cui Orzabal continuerà da solo a fare musica. Non si può dire però che il duo non chiuda la prima fase della sua storia, quella di maggior successo e qualità,…

Quindici canzoni di Lucio Battisti (con Mogol)

Undici album in poco più di dieci anni. Sarò banale, ma questa fase della discografia di Lucio Battisti – quella con a fianco Mogol – resta insuperabile. Battisti è stata la prima star del rock italiano, l’unica – prima di Vasco Rossi forse, al netto dei giudizi di valore – capace di andare oltre il…

Dieci canzoni di John Lennon per Yoko Ono

Artista d’avanguardia, “cantante” discutibile, moglie di John Lennon, nippona che il gruppo scompiglia (cit.). Il curriculum di Yoko Ono è lungo e rispettabile, anche se la sua fama – anche abbastanza ingiustamente – sarà sempre legata soprattutto all’aver fatto sciogliere i Beatles. Per Lennon fu qualcosa di più dell’amore della vita, per certi versi fu…

Dodici canzoni dei Rolling Stones con Ron Wood

Ron Wood era perfetto per i Rolling Stones, era perfetto per Keith Richards. Anche se ci pensarono prima un po’ su, non poteva che essere lui il nuovo chitarrista destinato a prendere il posto di Mick Taylor. Le prime note coi nuovi compagni Ron Wood le suona su Black and Blue (beh, c’era stata in effetti…

[1988] Man in the mirror – Michael Jackson

Michael Jackson era per me un tempo come il Milan di Sacchi e le pellicce Annabella. Non sono milanista quindi è chiaro in che senso lo scrivo. Era gli anni 80, era i balletti che non capivo, lui che diventava sempre più bianco e finiva sui giornali per le ragioni sempre più assurde e sbagliate…

[1989] What it takes – Aerosmith

Fenomenale rosicata da amante ferito, abbandonato, tradito. There goes my old girlfriend, there’s another diamond ring And all those late night promises I guess they don’t mean a thing So baby, what’s the story? Did you find another man? Is it easy to sleep in the bed that we made?  Grande interpretazione di Steven Tyler,…

Dieci canzoni di Bruce Springsteen

Bruce Springsteen non è mai stato “mio”, eppure in qualche modo è sempre stato fra i miei ascolti, defilato. Quando con mio cugino ascoltavamo hard rock ed heavy metal a quasi ogni ora del giorno, fra Guns n’ Roses, Skid Row e Deep Purple c’era abbastanza inspiegabilmente posto anche per le cassette di Human Touch e Lucky…

Quindici canzoni dei Queen

Quando avevo dieci, undici anni, prima dei Guns n’ Roses e prima del grunge, ascoltavo parecchio i Queen, mi piacevano. Mi piacciono ancora adesso. Mi piacciono ancora molto alcune cose, non mi piacciono per niente altre, la gran parte. Trovo che abbiano fatto cose notevoli per un certo periodo, diciamo fino al 1980, e che si siano…

[1980] Watching the wheels – John Lennon

Se dovessi scegliere il mio pezzo preferito di Lennon, Watching the wheels sarebbe sicuramente tra i due o tre fra i quali estrarre il prescelto. Intanto perché è un gran bel pezzo, è chiaro, una di quelle cose del Lennon solista che non sfigurano di fronte ai classici dei Beatles. E poi per il testo.…

I 5 migliori album di Bruce Springsteen

5. The Wild, the Innocent & the E Street Shuffle (1973). E’ solo il secondo album, eppure contiene già almeno quattro classici. Il botto vero e proprio arriverà dopo, ma qui il suono è ancora puro, la produzione discreta e Sandy brilla di luce propria.